Birre belghe: una guida per profani

Le birre belghe non sono un argomento da poter trattare con tanta disinvoltura: ci vuole scienza, esperienza, e conoscenza. Siccome noi non abbiamo nulla di tutto ciò, questa sarà una guida alle birre belghe DA e PER alcolist ehm…profani, alias per quelli a cui la birra piace anche se non hanno la presunzione di capirne a pacchi.

Birre Belghe for Dummies

Cominciamo dalle basi: a parte bere, ci sono un fottio di cose interessanti da scoprire, ad esempio imparare cosa serve per farvi la birra in casa e dimenticare ad esempio come si guida. O cose così, insomma. Poi oh, ai vostri genitori potrete sempre dire di esser andati per musei, vuoi mettere?

Museo della Birra, Bruxelles: al modico prezzo di 5€ comprensivo di degustazione finale, questo museo racchiuso nella gilda dei birrai offre una bella veduta anche a chi preferisce goderselo da fuori.

Schermata da 2015-10-27 22:30:19

Schermata da 2015-10-27 21:31:25Birrificio Cantillon, Bruxelles: aperto solo d’estate, per 6€ vi permetterà di scoprire qualcosa sulle birre vinose dette “lambic”, (inclusa una degustazione).

Museo della Birra, Bruges: Ovvero il birrificio De Halve Maan (la Mezza Luna), che propone tour di 45min a 7,50€ compresa una degustazione e una vista mozzafiato di Bruges dal tetto.

 

Per quelli skillati

Se dopo guide, musei e quant’altro siete finalmente riusciti a capire la differenza tra circense e cistercense e siete così carichi da volervi pure fare un giro in macchina fuori dalle grandi città, qui sotto trovate i paesi in cui originano le 6 vere birre trappiste belghe:

Schermata da 2015-10-27 21:29:46Chimay- L’abbazia de Scourmont è parzialmente visitabile, ma i laboratori no. A 100m, all’Espace Chimay potrete degustare birre e formaggi fatti con le stesse (merita anche solo per il modo in cui vi servono il piatto-scala-degustazioni!).

Westvleteren- Bisogna addirittura chiamare per ordinarla, tanto è unica (chiamate il “beerphone” 070210045), oppure mettetevi in fila al locale In de Vrede, a cui i monaci portano una quantità limitata di birra, ogni tanto bionda, ogni tanto rossa, ogni tanto nera, insomma come gli gira… sta a voi incrociare le dita e sperare nella fortuna di beccare la vostra preferita. Un altro modo di ottenere la varietà che più desiderate è quello di farsi monaci, lo lasciamo ai più temerari di voi.

Westmalle- Adeguatamente sperduto in mezzo alle colline, questo paesino nasconde un birrificio/monastero i cui prodotti sono disponibili a tutti nel Café Trappisten.

AchelL’abbazia produttrice della birra è quella di Notre-Dame de Sant-Benoit. E’ la più recente e non è particolarmente turistica, ma tanto che siete qui…

Rocheforte- Altro paesino campagnolo con altra abbazia birraia non visitabile…La nonnina della macelleria però le vende a prezzi stracciati!

Orval- Una splendida abbazia sperduta tra le montagne, incastonata, nel vero senso della parola, in una piccola gola. La parte antica, in rovina, è aperta al pubblico ed è qualcosa di incredibile! C’è anche un piccolo museo della birra dove viene spiegato, tramite dei video, il procedimento della loro birra. Ad appena 300m dal monastero c’è “A l’Ange Gardien” si possono mangiare piatti tipici cucinati nella birra Orval, degustare la ‘normale’ birra trappista e la Orval Vert, una variante di birra alla spina che si trova solo là!

9054234558_c78fb4c16a_b

Birra a parte

Ovvero posti interessanti da visitare anche se siete nel post-sbornia, o nel pre-sbornia, o nella triste eventualità siate astemi o affetti da altre gravi patologie mentali che vi impediscono di bere.

GambrinusGambrinus, Bruges: più che un pub è un mausoleo del Re della Birra, il fantomatico Gambrinus. A parte bere e mangiare, resta un posto decisamente suggestivo, anche solo per un caffè.

Bier Circus, Bruxelles: se vi siete stancati del piatto tipico locale (cozze+patatine), quale modo migliore di accompagnare le birre belghe se non…mangiare birre belghe?! Diversi pub e ristoranti propongono piatti alla birra (vedi anche sopra i formaggi di Chimay), ma nessuno ha una varietà vasta come il Bier Circus…sono riusciti ad infilarla persino nei dolci!! E se volete farvi del vero male, il loro menú riporta anche “Spaghetti Bolognaise cooked with Chimay” yummi!

Delirium Café, Bruxelles: pub dove si vende l’omonima birra, insieme ad altre centinaia; i turisti si mettono in fila per accaparrarsi i souvenir con l’elefantino rosa…e anch’io non ho resistito!

birre belghe 1 Delirium Tremens Mania

 

Un pensiero su “Birre belghe: una guida per profani

I commenti sono chiusi.